Bacco Natale: Dumpling di Capodanno (2020-2021) senza glutine

Eccomi con il mio Bacco Natale, un’iniziativa molto speciale promossa dal Movimento Turismo del Vino Toscana (MTV), per chi ama il buon vino.

Bacco Natale: abbina la ricetta a un vino!

Nonostante la situazione ci costringerà agli abbracci rimandati, spero di farvi cosa gradita nel pubblicare la mia ricetta “Dumpling di Capodanno 2020-2021” (della serie Ravioli del mondo), e parte del contest organizzato da AIFB (Associazione italiana food blogger) in collaborazione con MTV.

La ricetta è stata creata per poter degustare un delizioso Nobile di Montelpulciano DOCG, vendemmia 2016, del Podere Cansanova, che il sorteggio ha abbinato a moi per appetibilis.it

La cantina lo descrive cosi:

“Colore rosso rubino intenso. Al naso le caratteristiche dei vitigni si armonizzano a dare un grande impatto olfattivo, in cui ribes, amarena si legano a nette note di cacao, tabacco e caffè…
Il gusto è pieno, raffinato e complesso. Il tannino è morbido e la presenza di una equilibrata acidità rendono l'assaggio affascinante sia a livello tattile e gustativo”.

Perché i dumpling?

Anche se un po’ intimorita dalla forte presenza di questo rosso, “le note di caffè, il tannino morbido e l’equilibrata acidità” mi hanno incoraggiato ad abbinarlo ai miei dumpling senza glutine. Il nome identifica una vastissima serie di ravioli asiatici consumati quotidianamente, anche durante le feste.

Come per il colore rosso, anche i dumpling simboleggiano il convivio e la prosperità, due fattori importanti per ogni festa, particolarmente a capodanno (vedi le nostre lenticchie consumate a fine pasto come augurio di fortuna per l’anno che inizia).

Un cesto di Bacco Natale è un bel pensiero di vino da regalare e regalarsi, magari non arriverà con le renne ma sicuramente con il corriere…

Buon Appetibilis e Buone Feste a tutti !!!

Dumpling di Capodanno (2020-2021) senza glutine, ripieni di carne e funghi Cardoncelli. Ricetta di Orsola Ciriello Kogan

Porzioni: 15 dumpling | Tempo: 2h30 circa | Difficoltà: media

Ingredienti

Ripieno

  • ½ costa di porro (parte bianca) tritato
  • 100 gr funghi cardoncelli (tagliati a brunoise)
  • 150 gr manzo macinato
  • 100 gr maiale macinato
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 cucchiaio di pecorino grattugiato
  • ½ cucchiaino di pepe nero appena macinato
  • Olio di semi di girasole per soffriggere (alto oleico)

Sugo di pomodoro

  • 250 gr pomodori pelati
  • 1 spicchio d’aglio in camicia
  • 1 rametto di timo
  • 2 cucchiai olio di semi di girasole alto oleico

Sfoglia

  • 115 g farina di riso finissima
  • 65 g amido di tapioca
  • 1 cucchiaino raso di paprika in polvere affumicata
  • 200 ml acqua bollente
  • 1 cucchiaino di caffè espresso
  • 1 cucchiaio di olio di semi

Preparazioni

Sugo semplice

– Riscaldate dell’olio in un pentolino, aggiungete lo spicchio d’aglio schiacciato che lascerete dorare con il rametto di timo. Rimuovete l’aglio e versate i pelati facendo attenzione agli schizzi d’olio caldo. Lasciate sobbollire per 20 minuti circa; spegnete, frullate ad immersione e mettete da parte.

Ripieno

– Tritate il porro e fatelo soffriggere in padella in olio ben caldo fino a quando non sia ben lucido (circa 1 minuto). Aggiungete i funghi e fate rosolare per un paio di minuti, quindi unite le carni. A questo punto spegnete, incorporate il pecorino e il pepe, mescolate il tutto fino ad avere un composto omogeneo. Mettete da parte a raffreddare per almeno 10 minuti prima di usarlo.

Sfoglia

– Versate tutti gli ingredienti secchi in una ciotola, aggiungete in una volta quasi tutta l’acqua bollente dove avrete aggiunto il cucchiaino di caffè. (Potrebbe non servire tutto il liquido).

Con una forchetta mescolate velocemente, fino a quando il composto comincia ad addensarsi. Sempre nella ciotola, facendo molta attenzione, aggiungete l’olio e cominciate a lavorare il composto con la punta delle dita, fino a formare una palla liscia. Trasferite il composto sul piano di lavoro e continuate ad impastare per almeno 2 minuti.

Stendete l’impasto in un filoncino lungo e tagliatelo in 20 pezzi uguali (dovrebbero essere circa 18 g ciascuno). Copriteli immediatamente con uno strofinaccio, o conservateli in un contenitore con coperchio.

Involucri

– Spolverate con della farina di riso il vostro spazio di lavoro, così come il mattarello, un piatto o un vassoio per gli involucri finiti, e le mani.

Prendete un pezzo di pasta e stendetelo a forma circolare di 9-10 cm. Con l’aiuto di un coppapasta ritagliate un cerchio perfetto e riponete il disco nel vassoio sotto la pellicola. Ripetete finché non avete usato una metà dell’impasto.

NOTE: Ricordatevi che questo è un impasto senza glutine, quindi va maneggiato con molta cura. Assicuratevi che gli involucri finiti siano ben coperti, ad evitare che si secchino.

Facciamo i ravioli

Spolverate un tagliere con della farina di riso per i ravioli finiti e riempite una piccola ciotola con dell’acqua. Prendete un disco e inumiditene il bordo. Questo vi aiuterà a sigillare i ravioli più facilmente.

Per i ravioli a piramide (sia a tre che a quattro punte).

Mettete al centro un cucchiaino di composto e delicatamente alzate e piegate i lembi per creare una sorte di piramide. Chiudete bene. Ripetete finché non avete usato tutto l’impasto.

Per il dumpling “Jiaozi”.

Mettete al centro un cucchiaino di composto e chiudete piegando il dischetto a mezzaluna, premendo solo al centro. Quindi create su entrambe i lati delle piccole pieghe consecutive sigillando man mano che le fate. Riponete sul tagliere.

Cotture

- Fate una pre cottura dei ravioli in acqua bollente salata per circa 2 minuti (o appena risalgono), scolateli e tenete da parte. Quando siete pronti per servire da una parte fate scaldare il sugo.

In una padella fate scaldare un po’ d’olio e riponeteci i ravioli precotti. Coprite e lasciate che soffriggano per un paio di minuti. Quindi girateli, fino a doratura su tutti i lati; la base deve essere quasi croccante.
Bisogna fare molta attenzione nel girarli, per evitare che si rompano.

Li ho serviti bollenti su un fondo di sugo con dei funghi che ho semplicemente rosolato in padella con dei pinoli.

#MovimentoTurismoVinoToscana #mtvtoscana #BaccoNatale #CantineAperte

Commenti

Follow by Email

Post popolari in questo blog

Professione food blogger: chi è e cosa fa?

Professione Food Stylist: chi è e cosa fa?