Benvenuti

A proposito di Appetibilis

Appetibilis = desiderabile. Dal latino appetere, aveva originariamente il significato letterale di "tendere verso qualcosa, cercare di raggiungere qualcosa"...

Ed eccomi qui - con la collaborazione di un gruppo di amiche - sempre alla ricerca di storie in cerca d'autore. Storie di persone legate al territorio, storie che raccontano, (a parole e per immagini), l'artigianato, la gastronomia, l'arte, l'agricoltura, l'ingegno... insomma tutto quello che rende unica questa nostra bella penisola.

Vuoi raccontarci la tua storia e il tuo prodotto?
O vuoi una mano a raccontarli?
CONTATTACI, vediamo insieme come possiamo aiutarti! info@appetibilis.com

Mi presento: Orsola Ciriello Kogan (aka ockstyle) - Scrivo, provo e invento ricette dolci e salate per diete speciali, preparo cibi e bevande per le riprese fotografiche, fotografo. Non necessariamente in quest’ordine... anche in inglese @appetibilis.net

Sono nata all’ombra del Vesuvio e come lui sono sempre in attività. Food stylist, fotografa e blogger, con un trascorso in cucina e pasticceria. Sono essenzialmente girovaga, viaggiatrice navigata, con una forte sensibilità interculturale – Roma, Parigi, Mosca e New York sono le città dove mi sento a casa.

Collaboro con testi e fotografie ai magazine LeRosa.it; MontagneTop.it; OttimoBlog.com

L'idea del blog è nata in viaggio, qualche tempo fa. L'ho aperto seguendo l’impulso del momento. Sai, quando senti il bisogno di fare qualcosa di nuovo, magari perché il tuo stile di vita richiede un cambiamento – che sia per motivi di salute (allergie e intolleranze alimentari) e/o scelte etiche.
Non riesci a trovare facilmente le info che vorresti e il blog appare come una buona soluzione per raccontare di scoperte e riflessioni.

Su Appetibilis condividiamo storie, tendenze e suggerimenti riguardo al benessere in cucina, alla sostenibilità senza sprechi; ma raccontiamo anche di food styling, blogging e fotografia.

Sul blog puoi leggere, scoprire o riscoprire di:

  • ingredienti e tecniche di cottura;
  • vini naturali e spiriti artigianali;
  • condimenti, spezie e bevande alternative;
  • prodotti locali, cucina e moda senza spreco;
  • usi e costumi della cucina italiana;
  • come adattare i grandi classici (della cucina) per un’alimentazione senza glutine (anche con ricette vegetariane e vegane).

A questo punto non mi resta che augurarvi una buona e insaziabile visione!

“Il modo più facile, più diretto di arrivare a conoscere un paese è praticare la cucina della gente che lo abita. Nei cibi e nella maniera di cucinarli c’è tutto”. (Mario Soldati)

Follow by Email

Post popolari in questo blog

Professione food blogger: chi è e cosa fa?

Bacco Natale: Dumpling di Capodanno (2020-2021) senza glutine

Professione Food Stylist: chi è e cosa fa?